Blockchain e sue applicazioni

6 Maggio 2019
Studio Legale

La blockchain sbarca anche nel campo sanitario. Dagli stati uniti arriva questa notizia che coinvolge le principali multinazionali tra cui Pfizer eMcKesson Corporation.

In effetti, oramai la blockchain sta invadendo, in senso positivo si intende, ogni aspetto della nostra vita.

In ambito sanitario le applicazioni sono notevoli e riguardano la gestione dei dati, gli aspetti amministrativi, il controllo dei farmaci ma anche gli approvvigionamenti e la prevenzione di frodi e contraffazioni.

Tutto questo apre nuovi scenari e impatta in maniera fortemente positiva nella prevenzione di molte patologie.

Consente, infatti, di tracciare epidemie e, quindi, di gestirle e monitorarle, consente di tenere sotto controllo i costi, consente di sviluppare cure altamente performanti e targhettizzate.

Ma i benefici non si esauriscono qui.

Pensiamo ad esempio alle assicurazioni sanitarie.

Grazie alla blockchain i dati raccolti non possono essere modificati e grazie agli smart contract è possibile erogare fondi alla realizzazione dell’evento senza che le compagnie assicurative possano frapporre pretesti per ritardare o omettere il versamento del dovuto.

Il tutto renderà molto più vantaggioso il servizio a favore dell’utente.

Insomma, i benefici della blockchain non si esauriscono qui.

Ho solo voluto, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, fare cenno ad alcuni dei tanti vantaggi in un settore specifico.

In realtà la blockchain coinvolge oramai ogni settore: dal food agli elettrodomestici (esiste già un frigorifero blockchain che consente di monitorare temperatura, emissioni di Co2, etc..) dalla sanità al settore immobiliare, dalle assicurazioni all’automotive non esiste oramai settore dove questa tecnologia non sia applicabile.

A vantaggio, ovviamente, di aziende, persone e istituzioni. Di tutti, insomma.

 

Avv. Graziella Calciano

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Tags: blockchain,